Mi trovo, approssimativamente attraverso evento, di viso ad una collaboratrice familiare di “veneranda” epoca, graziosa nel adatto portamento amorevolmente vecchio. Una domestica perché ha vecchio perfino perché la ostilità e una breve simpatica competenza per un accampamento di annientamento nazista.

E’ polacca, si chiama Wanda Poltawska ed ha una lunga e “onorevole” velocità alle spalle: laureata in cura, conseguentemente psichiatra dell’età robusto, all’opera tanto nel adatto terra affinché da noi, verso Roma.

BensГ¬ la fatto che oltre a stupisce ГЁ il adatto attaccamento all’opera e al ispirazione (lei la chiamerГ  filosofia-pedagogia) di “un prete di Cracovia” -come lei stessa lo definisce- quest’oggi santo padre Giovanni Paolo II. E compiutamente l’incontro si sviluppa adatto sopra questa filosofia-pedagogia, ancora antropologia, di cui la Poltawska si dimostra affezionato discepola ed inattaccabile maestra.

Norma, affinchГ© il suo ГЁ un italiano “imparato durante la strada” (ciononostante brillante di far antagonismo per colui di numerosi italiani purosangue!) e rivela da all’istante la sua vera coincidenza: psicoterapeuta, consenso, laureata in toccasana, consenso, tuttavia cristiana, e cristiana cattolica, (e, direi, cristiana convinta!). Di qui, l’impostazione di totale il adatto colloquio, perchГ© verte perfino giacchГ© sull’amore e sulla sessualitГ  perchГ© ad egli concerne.

Tuttavia la cattolicità credenza in quanto, giammai modo attualmente, dia preoccupazione, incredibilmente “scandalizza”, irrita, nella migliore delle caso suscita risa, per un paese poi, l’Italia, perché da secoli (aggiungerei: inesattamente) si dice “cattolico”.

Affinché, provare conversare di sessualità sopra termini di “castità” che tipo di unica vera fama della decoro dell’uomo e della donna, in quanto, ringraziamenti a questa bontà, non subiscono le loro pulsioni, tuttavia le governano; sentir sbraitare di sacralità dell’amore matrimoniale, esperto ossia verso Altissimo, con Altissimo, nella volere di divinità; sentir parlare di monogamia che tipo di concreto, vera, unica plausibile attuazione del relazione amorevole tra un uomo e una domestica, e non beffarda speranza, sentir parlare di incluso ciò scandalizza modo non mai. Tutte favole…

“Amore intero”, in quell’istante, esso spiegato da questa gentile signora (e testata dell’incontro): quell’amore in quanto sgorga dal dote somma ed intero perchГ© l’uomo fa verso persona eccezionale, liberamente e volontariamente, di compiutamente nel caso che in persona, piuttosto di cosa e di residente accordo (= interezza), riuniti nel cercare un proprio meta, cioГЁ l’amore contro Altissimo, la esaltazione, il gratitudine, il adempimento delle sue leggi d’amore. Di qui, modo in un societГ  positivo, la “grazia” di Altissimo (cioГЁ, il suo “aiuto”) ricade maniera una rovescio salvifica sull’uomo giacchГ© ha prodotto concessione di loro, rendendolo abile di amare realmente.

Privo di questo avvicendamento, l’uomo è capace di prediligere, pur non rendendosene guadagno, solo parzialmente, di venerare egotisticamente: il adatto non sarà concessione assurdo all’altro, tuttavia richiederà di continuo un contraccambio, o, peggiormente, sarà soltanto interrogazione privato di concedere introduttivo (un sincero e adatto sfruttamento!).

Tenerezza, conclusione, maniera cortesia regalato, cosicché si alimenta nella fede-fiducia in Dio, disinteressatamente amoroso richiamo tutte le sue creature: questo il annuncio affinché la relatrice polacca ritiene di poter diffondere, anche affinché da lei consumato durante prima persona, sulla propria membrana, durante un’esperienza decennale con famiglie e ragazzi problematici e mediante quella giacché è la sua parentela: consorte filosofo, 4 figli, 8 nipoti.

Speranza, imbroglio, racconto ovverosia giustezza?

Verso ognuno la sua pensiero.

Lei conclude dunque: “A me mi piace”.

di Francesca Leardini

La arte poetica si distintivo, si scrive, si vive

Dal 2009 a Cattolica è situazione fondato il “Premio squadra della propria nazione di arte poetica Giovanni Pini“ https://datingmentor.org/it/blackcupid-review/, perché ha il capace qualità di attrarre gli alunni della Scuola mezzi di comunicazione “Emilio Filippini” per un percorso di rinvenimento della lirica in quanto ingresso i ragazzi a arrischiarsi di nuovo con momenti di esecuzione poetica.

Nell’ambito di questa encomiabile progetto, quest’anno la collaborazione entro insegnanti e bibliotecari ha certo attività al piano “Le voci della poesia“, perché nasce appena “corollario al onore e appena ricerca del distanza curricolare svolto dai ragazzi dell’Istituto paziente di Cattolica e insieme l’intenzione di accostarli alla poesia“.

Il intenzione ha incluso il interessamento di tre poeti d’eccezione della nostra terreno: Annalisa Teodorani, Maria Teresa Codovilli e Vincenzo Cecchini, giacché durante tre diverse mattinate hanno condiviso per mezzo di le seconde classi della istruzione media di Cattolica i loro componenti, e hanno potuto far afferrare ai ragazzi “cosa si celi appresso ad una opuscolo, che tipo di agitazione e come faccenda sottenda alla prodotto poetica e che razza di come lo consistenza umano ed cerebrale di un aedo vero“.

L’iniziativa, ideata da insegnanti e bibliotecari, aveva l’intento di “far dilettare i ragazzi unitamente la versi, farli associare con modo gaio al vigore commemorativo della ragionamento meravigliosamente scavata e cesellata, riscoperta, reinventata dalla intuito e dal parere di alcuni rappresentantivi poeti di Cattolica e dintorni giacché di buon grado hanno accolto l’invito“.

E’ autorevole citare in quanto, dei tre poeti, ben coppia, Annalisa Teodorani e Vincenzo Cecchini, hanno amaca poesie scritte in dialetto. Mediante santarcangiolese, la Teodorani; sopra cattolichino, Cecchini.

Gli organizzatori sono convinti che il vernacolo non così una falda di rimedio, ancora affabile da occupare, e fanno proprie le parole di Piero Meldini giacché scrive: “Il supplica al volgare non abbassa il registro poetico, anzi: è una vocabolario antiretorica e filosofica, affinché si presta alla preparazione, alleggerisce le confessioni oltre a scoperte e addolcisce le parole oltre a amare“.

I ragazzi hanno dimostrato un’inattesa maturitГ , rivolgendo ai poeti domande non scontate, bensГ¬ riguardanti le tematiche piГ№ profonde cosicchГ© trasparivano dai componimenti, come il conoscenza della persona e della fine. E’ per di piГ№ affiorato giacchГ© le poesie che hanno luminoso maggiormente l’interesse da porzione dei giovani uditori erano appunto quelle con l’aggiunta di saggiamente impegnative, quelle dalle quali emergeva un concetto con l’aggiunta di intenso.

Dietro i tre incontri, gli organizzatori possono assicurare per mezzo di convinzione cosicché l’iniziativa ha avuto fatto, affinché l’attenzione degli alunni è stata perseverante e ha consentito ai ragazzi di poter ascoltare la libro di poesie immediatamente dalle parole di chi le ha composte.

L’impressione dei poeti è stata assai positiva. Le coppia ore sono passate amabilmente e senza affinché le insegnanti dovessero citare gli alunni. Sarebbe prestigioso manifestare questa esperienza un incontro regolare da affiancare al “Premio azzurri di arte poetica Giovanni Pini”, anche fine i ragazzi coinvolti cambiano qualunque classe.

di Alessandro Fiocca

Tags:

No responses yet

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *